Sei in: Home » Articoli

Concorsi forze armate: d'ora in poi tutti all'altezza, ma solo se si ha il giusto "peso"

Approvato il regolamento che elimina il limite dell'altezza minima e introduce i parametri fisici della forza muscolare, massa e composizione corporea
carabiniere in divisa

di Marina Crisafi - L'altezza minima non sarà più un limite per l'accesso ai concorsi delle forze armate, di polizia e del corpo dei vigili del fuoco. Ma, attenzione, bisognerà comunque avere il giusto “peso”, perché si terrà conto oltre che della massa grassa anche della forza muscolare e della corporatura.

È quanto prevede il regolamento in materia di parametri fisici per l'ammissione ai concorsi per il reclutamento nelle forze armate, di polizia e nel corpo dei vigili del fuoco, approvato, in via preliminare, venerdì scorso dal Consiglio dei Ministri.

Viene eliminato, dunque, un limite, considerato ormai anacronistico e discriminante, e introdotti invece i parametri fisici della composizione corporea, della forza muscolare e della massa metabolicamente attiva.

Il fine, come si legge nel comunicato stampa del governo, è quello di non precludere l'accesso alle forze armate alle forze di polizia e al corpo dei vigili del fuoco in ragione della mancanza del requisito dell'altezza minima prevista dalle attuali disposizioni, ma di consentire la valutazione dei soggetti in base a differenti parametri dai quali possa comunque desumersi la più generale ma imprescindibile idoneità fisica del candidato allo svolgimento del servizio militare o d'istituto”.

Per indossare la divisa, dunque, occorrerà essere in possesso dei parametri fisici che saranno indicati, per uomini e donne, in apposita tabella, unitamente alle modalità e ai criteri di accertamento.

(03/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF