La messa alla prova pu˛ essere disposta anche in caso di aggravante speciale

Ai fini della sussistenza delle condizioni di ammissibilitÓ del provvedimento non devono essere tenute in considerazione le circostanze aggravanti
15967295 concetto di evasione dal carcere id13898
di Laura Bazzan - Con la sentenza n. 32787 del 27.07.2015 (qui sotto allegata), la quarta sezione penale della Corte di Cassazione ha escluso "che la contestazione di una circostanza aggravante ad effetto speciale precluda (...) l'applicabilitÓ dell'istituto della messa alla prova, qualora il reato contestato sia punito con sanzione edittale non superiore nel massimo a quattro anni di reclusione". 
Accogliendo il ricorso avverso l'ordinanza con la quale il giudice dell'udienza preliminare presso il Tribunale di Firenze aveva disposto il rinvio al giudizio dell'imputato in un procedimento per spaccio di stupefacenti cui veniva contestata l'aggravante della cessione di droga a minori, la Corte di legittimitÓ ha ritenuto di condividere l'impostazione della difesa secondo la quale, per valutare la sussistenza delle condizioni di ammissibilitÓ del provvedimento di sospensione del processo con messa alla prova ai sensi degli artt. 168 bis c.p. e 464 quater e ss. c.p.p., non devono essere tenute in considerazione le circostanze aggravanti, "seppure ad effetto speciale o comunque in grado di incidere, autonomamente, sulla pena"
A tale conclusione, pi¨ precisamente, la Suprema Corte perviene considerando la ratio deflattiva perseguita dal legislatore quale conferma che le disposizioni in tema di messa alla prova non riportano alcun esplicito riferimento alla possibile incidenza di eventuali aggravanti, mentre laddove il legislatore ha voluto che si tenesse conto delle circostanze aggravanti lo ha espressamente previsto; di conseguenza, l'unico parametro di riferimento dell'interprete nella valutazione circa l'applicabilitÓ o meno della messa in prova ad una determinata fattispecie deve essere costituito dalla cornice edittale indicata dal legislatore.



Cassazione sentenza n. 32787/2015
(01/08/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le pi¨ lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF