Sei in: Home » Articoli

L'accettazione delle chiavi non comporta rinuncia al canone dovuto per l'assenza di preavviso

Secondo la Cassazione la rinuncia al compenso deve risultare da dichiarazioni, atti o comportamenti inequivocabili
di Laura Bazzan - Con sentenza n. 15769 del 27.07.2015 (qui sotto allegata), la terza sezione civile della Corte di Cassazione si è pronunciata in materia locatizia stabilendo che l'accettazione delle chiavi dell'appartamento da parte del proprietario dell'immobile non implica la rinuncia al pagamento dei canoni dovuti dal conduttore in relazione al periodo di (mancato) preavviso. 
Nello specifico, la pronuncia ha riguardato una vicenda in cui, contravvenendo alla specifica clausola del contratto di locazione che subordinava il diritto di recesso anticipato del conduttore alla sussistenza di gravi motivi e con preavviso di almeno sei mesi, lo stesso conduttore provvedeva al rilascio dei locali consegnando le chiavi al locatore senza addurre motivazione alcuna e in assenza di preavviso. Il locatore agiva quindi in giudizio per ottenere il pagamento dei canoni di locazione per il periodo corrispondente al mancato preavviso, oltre al risarcimento dei danni, risultando soccombente in primo grado e vittorioso in sede d'appello.

 
Nel censurare in sede di legittimità la pronuncia di secondo grado, il conduttore ha sostenuto che, essendo la riconsegna delle chiavi all'atto del rilascio avvenuta senza riserve o obiezioni di sorta da parte del locatore, doveva ritenersi accettata da parte dello stesso la risoluzione anticipata del rapporto.

Contestando recisamente tale impostazione, la Suprema Corte ha chiarito che la rinuncia al compenso, conformemente ai principi generali in materia contrattuale che escludono il valore di dichiarazione di volontà al mero silenzio, deve risultare da dichiarazioni, atti o comportamenti inequivocabili in tal senso; "tale non è la mera accettazione in restituzione delle chiavi dell'appartamento: comportamento in certa misura necessitato, e comunque inidoneo di per sé solo a dimostrare la rinuncia del locatore al pagamento del corrispettivo per l'intera durata del periodo di preavviso al quale avrebbe avuto diritto per legge".

Avv. Laura Bazzan
Cassazione sentenza n. 15769/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/07/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF