Locazioni: Se si pattuisce un canone libero, la deroga all'equo canone vale solo se il locatore rinuncia a disdire alla prima scadenza

A stabilirlo è la sentenza n. 15768/2015 della Corte di Cassazione
Modello di casa fatto con euro

di Valeria Zeppilli - La deroga alla disciplina sull'equo canone non può dirsi integrata solo in ragione del fatto che, nel contratto di locazione stipulato, le parti abbiano previsto una clausola di rinnovo automatico alla scadenza del quadriennio (per un ulteriore quadriennio), in caso di mancata disdetta.

Con la sentenza n. 15768 depositata il 27 luglio 2015 (qui sotto allegata), infatti, la terza sezione della Corte di Cassazione ha ribadito che la pattuizione di un canone libero di locazione, in deroga alla disciplina sull'equo canone prevista dalla legge numero 392 del 7 luglio 1978, è valida solo se il locatore rinunci alla facoltà di disdire la locazione alla prima scadenza espressamente e contestualmente alla conclusione del contratto.

In tale ipotesi, la disdetta del locatore dopo il primo quadriennio è valida esclusivamente nel caso in cui sopraggiunga una giusta causa di diniego del rinnovo, connessa all'intenzione di adibire l'immobile agli usi indicati dalla legge o di effettuarvi le opere legislativamente previste. 

Mancando nel caso di specie una rinuncia della locatrice, espressa e pattuita nel contratto, di dare disdetta alla prima scadenza, a detta della Corte non può dirsi integrata una valida deroga alla legge sull'equo canone. 

Resta a tal fine irrilevante, in quanto espressione generica e di certo non idonea a manifestare una volontà derogatoria, la circostanza che, sulla base del contratto, la disdetta avrebbe dovuto essere motivata secondo legge.

Vedi allegato
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(30/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF