Diritto Penale

Stop all'abbreviato per i reati gravi

La Camera approva la legge. Ora passa al Senato. In allegato il testo
giudice sentenza martello

di Marina Crisafi - È stata approvata ieri da Montecitorio, con 269 voti favorevoli, 27 contrari e l'astensione dei deputati del M5S, la modifica all'art. 438 del codice di procedura penale che cambia le regole sul processo abbreviato escludendone innanzitutto l'applicazione ai reati più gravi.

L'obiettivo, come affermato da Donatella Ferranti, presidente della commissione giustizia della Camera, è quello di rafforzare la tutela delle vittime e delle parti offese escludendo la possibilità di “riconoscere in automatico uno sconto di pena, solo per la scelta di un rito processuale, a chi commette un crimine feroce”.

Il giudizio abbreviato, infatti, disciplinato dagli artt. 438 e ss. c.p.p., è un procedimento speciale che evita il dibattimento (con definizione nella fase dell'udienza preliminare) e, in caso di condanna, riduce la pena di un terzo (salvo nei casi di ergastolo e di ergastolo con isolamento diurno).

Il testo passa ora al Senato per l'esame definitivo.

Due le novità principali:

- Niente abbreviato per reati gravi

Escluso, dunque, il rito abbreviato (e il relativo sconto di pena) per i reati di particolare gravità, elencati tassativamente, tra cui: strage, omicidio premeditato, violenze sessuali, tratta di persone e sequestro di minori.

Per tali reati di sangue e particolarmente gravi, l'imputato non potrà più chiedere l'abbreviato, salvo che non subordini la richiestaa una diversa qualificazione dei fatti o all'individuazione di un reato diverso”. Richiesta che potrà essere rinnovata prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado.

Rito in corte d'assise

Per i delitti di sua competenza, il giudizio abbreviato si celebrerà innanzi alla Corte d'Assise (mentre oggi è il giudice monocratico a decidere).

Se la richiesta dell'imputato viene accolta, il giudice dovrà trasmettere gli atti alla Corte competente, invitando le parti alla comparizione.

La riforma verrà applicata a tutti i procedimenti relativi a fatti commessi dopo la sua entrata in vigore.

Il testo di modifica dell'art. 438 c.p.p. approvato alla Camera
(30/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF