Sei in: Home » Articoli

Vacanze rovinate dagli insetti? Il villaggio deve risarcire i danni

Il turista che sceglie un pacchetto all inclusive ha diritto al danno da vacanza rovinata per non aver goduto un soggiorno di piacere e riposo
Casa sul mare con in sovrimpressione il disegno di una zanzara

di Marina Crisafi – 1.400 euro a testa è il risarcimento dovuto a due turisti partenopei partiti per una vacanza di pieno relax in un villaggio all inclusive nel cuore del Mediterraneo e ritrovatisi infestati e morsi dagli insetti di ogni specie.

A liquidare il c.d. danno da vacanza rovinata è la sesta sezione civile del Tribunale di Napoli, con la recente sentenza n. 9287/2015, per la quale non vi è dubbio sulla responsabilità del villaggio vacanze.

La formula tutto compreso infatti ha affermato il tribunale partenopeo dà diritto al turista che la sceglie di fruire di un soggiorno di piacere e riposo, facendo sorgere, su chi vende il pacchetto turistico, la relativa obbligazione contrattuale. Per cui, in caso di inadempimento, scatta la responsabilità contrattuale della società che gestisce il villaggio, tenuta a risarcire il danno da vacanza rovinata, salvo che non riesca a provare il fortuito o la forza maggiore.

Prove che, nel caso di specie, la società non è riuscita a fornire, dichiarando che l'invasione degli insetti nei bungalow del villaggio sarebbe dipesa dalle straordinarie condizioni climatiche di quel periodo, ma senza dimostrare che si trattava di circostanze imprevedibili. A “incastrare” il villaggio, invece, le foto dei due turisti mostranti morsi sulla pelle chiaramente provenienti da pulci, la cui presenza, dunque, era più frutto di carenze igieniche che non di eccezionali condizioni climatiche. Il villaggio, pertanto, per garantire lo svago dovuto ai suoi clienti avrebbe dovuto adottare misure di contrasto più efficaci rispetto all'ordinaria disinfestazione per tenere lontani gli “ospiti indesiderati”.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF