Sei in: Home » Articoli

112: arriva il numero unico per le emergenze

La novità è stata inserita nella riforma della P.A. approvata alla Camera. In pensione i “vecchi” 113, 115 e 118
telefono telefonata

di Marina Crisafi - Tra le novità previste dalla riforma della Pubblica Amministrazione che, fresca di approvazione da parte di Montecitorio, si avvia al sì definitivo in Senato (leggi "Riforma della Pubblica Amministrazione: OK dalla Camera. Ecco le novità"), c'è l'istituzione del numero unico per le emergenze, il 112.

Il nuovo numero sarà gratuito (da telefoni fissi e mobili) e valido per tutti i tipi di problemi (sicurezza, sanitari e ambientali), dal soccorso delle forze dell'ordine (polizia, carabinieri, vigili del fuoco) alle ambulanze e ai corpi sanitari.

Presto, quindi, andranno in pensione, i vari numeri attualmente esistenti nel Paese (113 Polizia, 115 Vigili del Fuoco, 118 Pronto Soccorso sanitario e lo stesso 112 al quale oggi rispondono i Carabinieri) che saranno tutti sostituiti dal nuovo e unico 112.

La gestione delle emergenze sarà affidata a centrali operative situate su basi regionali che “smisteranno” ai diversi settori di competenza le telefonate degli utenti.

Con l'istituzione del numero unico l'Italia si allinea al resto d'Europa, dando attuazione alla direttiva del parlamento UE, la cui mancata attuazione era già costata in passato una procedura di infrazione.

(20/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Porto d'armi: i principi da conoscere per non subire la revoca della licenza
» Come si impugna una contravvenzione. Guida con articoli, sentenze e formule per la redazione dei ricorsi
» Addio ai vitalizi dei parlamentari
» Avvocati: la segretezza della corrispondenza tra colleghi prevale anche sul diritto di difesa
» Divorzio: assegno solo a chi guadagna meno di mille euro al mese
In evidenza oggi
Telefonino alla guida: ritiro patente e niente sconti sulle multe, facciamo chiarezzaTelefonino alla guida: ritiro patente e niente sconti sulle multe, facciamo chiarezza
Avvocati per Equitalia: 100mila euro di reddito penalizzano i più giovaniAvvocati per Equitalia: 100mila euro di reddito penalizzano i più giovani
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF