Sei in: Home » Articoli

112: arriva il numero unico per le emergenze

La novità è stata inserita nella riforma della P.A. approvata alla Camera. In pensione i “vecchi” 113, 115 e 118
telefono telefonata

di Marina Crisafi - Tra le novità previste dalla riforma della Pubblica Amministrazione che, fresca di approvazione da parte di Montecitorio, si avvia al sì definitivo in Senato (leggi "Riforma della Pubblica Amministrazione: OK dalla Camera. Ecco le novità"), c'è l'istituzione del numero unico per le emergenze, il 112.

Il nuovo numero sarà gratuito (da telefoni fissi e mobili) e valido per tutti i tipi di problemi (sicurezza, sanitari e ambientali), dal soccorso delle forze dell'ordine (polizia, carabinieri, vigili del fuoco) alle ambulanze e ai corpi sanitari.

Presto, quindi, andranno in pensione, i vari numeri attualmente esistenti nel Paese (113 Polizia, 115 Vigili del Fuoco, 118 Pronto Soccorso sanitario e lo stesso 112 al quale oggi rispondono i Carabinieri) che saranno tutti sostituiti dal nuovo e unico 112.

La gestione delle emergenze sarà affidata a centrali operative situate su basi regionali che “smisteranno” ai diversi settori di competenza le telefonate degli utenti.

Con l'istituzione del numero unico l'Italia si allinea al resto d'Europa, dando attuazione alla direttiva del parlamento UE, la cui mancata attuazione era già costata in passato una procedura di infrazione.

(20/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Violenza donne: rispunta la castrazione chimicaViolenza donne: rispunta la castrazione chimica
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF