Sei in: Home » Articoli

L'annuncio del premier: Dal 2016 niente più tasse sulla prima casa. E tu cosa ne pensi? Rispondi al sondaggio

La scommessa di Renzi sul taglio delle tasse all'Expo. Prima casa e poi è la volta di Ires, Irap e Irpef
rappresentazione grafica della scritta tax

Di Marina Crisafi - Da gennaio niente più tasse sulla prima casa. E poi sarà la volta di Ires e Irap, per finire nel 2018 con un intervento sugli scaglioni Irpef e le pensioni.

L'annuncio “bomba”, come riportato dal quotidiano la Stampa (v. Renzi: "Dal 2016 abolirò la tassa sulla prima casa. Nel 2017 giù Ires e Irap, nel 2018 taglio dell'Irpef") , arriva direttamente dal premier dal palco dell'assemblea del Pd all'Expo. 

Tra citazioni in greco, per cogliere il momento propizio (“kairos”) e appelli all'unità del partito per il bene del paese, Renzi ha annunciato una “rivoluzione copernicana sulle tasse” promettendo tagli da 45 miliardi di euro in tre anni, trasformando in un “salto di qualità” l'inversione di rotta imboccata dal Paese grazie alle riforme e agli 80 euro sperimentali in busta paga. Con la ripartenza del Paese, infatti, la prima priorità politica, a detta del premier, è la riduzione delle tasse, perché gli italiani hanno “fame di crescita, benessere, lavoro”.

E l'Europa? Il premier tranquillizza sul rispetto dei parametri di Maastricht, ma con un certo margine di libertà sul fiscal compact.

Ed ecco le promesse: dal prossimo anno, con la legge di stabilità si partirà dall'abolizione della tassa sulla prima casa, perché l'80% degli italiani ha un'abitazione di proprietà e, dunque, da qui si farà ripartire la fiducia.

Successivamente, sarà la volta dell'Irap e dell'Ires nel 2017 e nel 2018 si passerà ad intervenire sugli scaglioni Irpef e sulle pensioni.

Una sforbiciata senza pari che, stando alle stime, necessita di 45 miliardi di euro (5 nel 2016 e 20 sia nel 2017 che nel 2018), cui si aggiungono altri 20 miliardi di investimenti per infrastrutture da spendere entro il 2016.

Poi a pioggia, altri annunci partono dal palco dell'Expo, tra cui il via libera definitivo ad una serie di riforme: anzitutto quella della P.A. prima della pausa estiva e poi quella della Costituzione, ed entro l'anno la legge sulle unioni civili.

Ovviamente, tornando al tagliatasse, non mancano le riserve: l'abolizione della tassa sulla prima casa, annuncio di "berlusconiana" memoria, è davvero una priorità, e l'impostazione sarà “indiscriminata” per tutti, anche per i più ricchi?

E tu cosa ne pensi? È prioritario il taglio della tassa sulla prima casa o si dovrebbe partire da Irpef, Ires e Irap per agevolare lavoratori e imprese? Rispondi al sondaggio qui sotto e dì la tua nello spazio commenti


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF