Ministero della salute: giro di vite contro le 'bionde'!

Cambiano le regole per la vendita e il consumo di sigarette
Sigaretta accesa

A breve entreranno in vigore numerose novità per i produttori, consumatori e rivenditori di sigarette. 

Il Ministro della Salute ha infatti predisposto una bozza di Decreto legislativo di recepimento della Direttiva europea sul tabacco. 

Cambierà innazitutto la grafica dei pacchetti: Il 65% della superficie sarà occupato da immagini shock di corpi malati e da avvertimenti del tipo "Il fumo del tabacco contiene oltre 70 sostanze cancerogene". 

Inoltre spariranno dal commercio le confezioni da 10 sigarette e quelle di tabacco sfuso da meno di 30 g. Questo perché simili prodotti hanno un costo limitato e quindi alla portata dei più giovani. 

A breve cambieranno anche le regole per chi si reca in un reparto pediatrico, ginecologico, ostetrico o neonatologico. Al divieto già esistente di non fumare dentro i reparti, infatti, si aggiungerà quello di non fumare nelle loro vicinanze. 

Sempre allo scopo di proteggere bambini e feti, sarà proibito anche fumare in un'automobile in cui siano presenti bambini o donne in gravidanza

I rivenditori dovranno fare i conti con sanzioni più dure nel caso di vendita di sigarette a minori

Alla prima trasgressione saranno infatti puniti con una sospensione di tre mesi della licenza e una sanzione da 1.000 a 4.000 Euro. 

Alla seconda trasgressione la sanzione raddoppierà e soprattutto la licenza verrà revocata definitivamente. 

I minori non potranno acquistare neppure sigarette elettroniche contenenti nicotina, e queste dovranno avere chiaramente segnalata la loro tossicità e capacità di indurre dipendenza.

(19/07/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF