Istat: oltre 4 milioni i poveri assoluti in Italia

L'indice di povertà si stabilizza ma il 6,8% della popolazione non sbarca il lunario e quasi 8 milioni sono poveri “relativi”
Immagine di un clochard

di Marina Crisafi – L'indice di povertà dopo un biennio ha smesso di crescere. E questa è la buona notizia, ma le soglie sulle quali si è fermato non sono certo da Paese civile: ammontano, infatti, a oltre 4 milioni gli italiani in condizioni di povertà assoluta (6,8% della popolazione) e a quasi 8 milioni quelli che vivono in una situazione di povertà relativa. A rilevarlo è l'Istat nella consueta indagine annuale sulla spesa delle famiglie per l'acquisto dei beni e dei servizi indispensabili per vivere in una determinata area del territorio nazionale. E la situazione cambia di zona in zona. Si sta peggio al Sud, dove la percentuale dei poveri assoluti sale all'8,6% e meglio al Centro (4,8%) e al Nord (4,2%). Quanto alle differenze di genere, dei 4 milioni di poveri, più della metà sono donne (6,6,%) e quasi 900mila hanno un'età compresa tra i 18 e i 34 anni (8,1%), mentre è minore l'incidenza per gli anziani (590mila pari al 4,5%). La povertà, inoltre, secondo l'istituto di statistica, scende con l'aumentare del titolo di studio e in base alla professione: ad essere meno povere, infatti, sarebbero le famiglie con membri diplomati (3,2%) rispetto a chi ha solo la licenza elementare (8,4%) e i nuclei formati da liberi professionisti e imprenditori (meno del 2%). Situazione leggermente migliore anche per le coppie con figli (con un'incidenza del 5,9%) e con a capo un membro tra i 45 e i 54 anni (-1,4%).

Questo per quanto riguarda la povertà assoluta.

Ma il dato risulta stabile anche per i poveri relativi che, nel 2014, ammontano a 2 milioni e 600mila famiglie (10,3%) pari a 7 milioni e 815mila persone (12,9%). Anche in questo caso si tratta di soggetti che non raggiungono la spesa media pro-capite per i beni e i servizi necessari e la situazione rispecchia quella della povertà assoluta, con una incidenza maggiore nel Mezzogiorno rispetto al Centro e al Nord Italia.

Dati, in definitiva, non certo confortanti, che se mostrano da un lato che il peggio è passato, arrivando ad una percentuale non in salita, è anche vero che non denotano alcun miglioramento. Da qui, il grido unanime delle associazioni dei consumatori, che parlano di cifre da “Terzo mondo”, vergognose per un Paese civile e la proposta dell'Unione dei Consumatori, come riportato dal Corriere della Sera, di estendere il bonus di 80 euro “anche agli incapienti o di valutare un reddito minimo garantito per questi poveri”.

(16/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF