Sei in: Home » Articoli

Sfuma il decreto banda larga

Lo rende noto il sottosegretario allo sviluppo economico
Ragazza che naviga in uno schermo virtuale con la scritta wifi e internet
Nonostante le numerose discussioni dei mesi scorsi, è sfumata al momento l'ipotesi di un decreto legge che regolamenti la banda larga in Italia. A rendere ufficiale la notizia è stato il sottosegretario allo sviluppo economico Antonio Giacomelli, il quale ha però sottolineato come in realtà un risultato sia comunque stato ottenuto tramite l'aumento degli investimenti pianificati da Telecom Italia per la fibra ottica, così da rendere auspicabile un aggiornamento della consultazione pubblica sui piani degli operatori.

Un'infrastruttura che assicuri l'efficienza della velocità ADSL e la copertura in tutto il Paese senza il controllo di uno specifico operatore - la cosiddetta rete unica per la banda larga, appunto - è un tema che viene ormai discusso da anni e che rischia di dilungarsi, soprattutto perché le compagni telefoniche sembrano non essere intenzionate a rinunciare ai loro investimenti o alle loro posizioni sui mercati. Senza contare che, proprio a causa di questa arretratezza digitale, il nostro Paese è fortemente a rischio di sanzioni da parte dell'Unione Europea proprio per il mancato adeguamento agli standard nell'ambito della copertura e della velocità di navigazione

Ora è dunque il tempo di pensare ad alcune alternative: nello specifico, tra le ipotesi di lavoro ci sarebbe quella di procedere con un decreto legge che si occupi in particolare dei nuovi incentivi, comprensivi del fondo di garanzia, del credito di imposta per gli operatori e di un voucher per i consumatori.

Delle risorse necessarie di occuperà il Cipe - il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica - ovvero l'ente deputato all'assegnazione dei fondi, che dovrebbero essere concessi in maniera obbligatoria già entro la fine di novembre. Fino al 2017 la disponibilità reale pare essere però non superiore a 800-900 milioni di euro: tali premesse non lasciano dunque ben sperare, ma portano anzi a pensare che il "Piano banda larga 2015-2020" possa slittare di un anno rispetto ai programmi iniziali.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/07/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF