Sei in: Home » Articoli

Equitalia: tutti i canali per saldare i "conti" col fisco

Dagli sportelli ai tabaccai alla via telematica, ecco come pagare le cartelle esattoriali
Rappresentazione di un collage di foto di Equitalia con logo
Aumentano sempre di più i canali alternativi per pagare le cartelle esattoriali in modo da agevolare i contribuenti nel saldare i propri "conti" con il fisco.
  
Alla già prevista possibilità di pagare nei punti vendita Lottomatica e Sisal le cartelle Equitalia, in questi giorni si è aggiunta, infatti, la facoltà di saldare presso gli stessi anche altri atti esattoriali, come gli avvisi di intimazione, i solleciti nonchè le rate dei bollettini del piano di rateizzazione concesso. 

Sarà sufficiente consegnare alla ricevitoria scelta per il pagamento (tabaccai, bar, ecc.) il bollettino Rav che la stessa agenzia di riscossione provvederà ad allegare alla documentazione.
I pagamenti potranno essere effettuati col Rav anche dopo la scadenza perchè l'importo viene automaticamente aggiornato con le somme aggiuntive dovute per legge.

Le reti Sisal e Lottomatica vanno ad aggiungersi agli altri canali, alternativi agli sportelli Equitalia, messi a disposizione dei contribuenti, ossia le filiali bancarie e gli uffici postali.

Il servizio di pagamento è attivo anche presso le tabaccherie convenzionate con banca ITB.

Rimane sempre valido, inoltre, il ricorso alle modalità telematiche, pagando tramite l'home banking del proprio istituto di credito (laddove consorziato a CBI o aderente al servizio CBILL) o utilizzando la piattaforma integrata dei pagamenti Equitalia, accessibile dall'apposita voce "paga online" sul sito del gruppo o entrando nella propria area riservata.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/07/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF