Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Trento. No alla costituzione di parte civile del Comune nei processi per violenza carnale

Il Gup del Tribunale Meneghino ha respinto la richiesta del Comune. Ma ci sono pronunce di segno contrario
stalking donne
Il Tribunale di Trento dice no alla costituzione di parte civile del Comune in un procedimento avente ad oggetto il reato di violenza sessuale.

La decisione (Sentenza n. 342 del 17 giugno 2015) un primo segnale di stop alla consuetudine di molti comuni di formalizzare la costituzione di parte civile in questo genere di procedimenti per i reati commessi nel loro ambito territoriale.

Il Gup ha quindi respinto la domanda di costituzione del municipio.  Ma cosa dice la Cassazione in proposito?

Possiamo segnalare una sentenza in cui l'opinione degli Ermellini di segno contrario.
Si tratta di una pronuncia del 2011 (la n. 29905) con cui la terza sezione penale della Corte aveva affermato che quando si verificano reati di natura sessuale, il Comune nel cui territorio il reato stato commesso pu costituirsi parte civile al fine di ottenere il risarcimento dei danni morali e materiali che derivano da quella che va considerata un'offesa diretta ed immediata dello scopo sociale.

Nella fattispecie presa in esame dai Giudici di Pizza Cavour, il Comune di Milano aveva dimostrato di essere stato leso dal reato trovandosi nella duplice veste "di ente finanziatore, nonch diretto erogatore, di servizi specificamente rivolti alle vittime di violenza sessuale".


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/07/2015 - N.R.)
Le pi lette:
» Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Catasto: gratuita la consultazione delle visure
» Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
» Arriva il reato di omicidio di identit
» Omicidio stradale: arriva una nuova riforma
In evidenza oggi
Catasto:  gratuita la consultazione delle visureCatasto: gratuita la consultazione delle visure
Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanzaDdl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF