La regola del 'pi¨ probabile che non'

La regola della probabilitÓ relativa. La separazione tra causalitÓ civile e causalitÓ penale.
Bilancia e martello tenuti in mano
La celeberrima sentenza Franzese (Cass., SS. UU, n. 30328/2002) ha posto fondamenta rivoluzionarie nell'analisi del nesso causale in ambito penale. La ricostruzione del fatto viene ancorata ad una probabilitÓ logica e non pi¨ statistica, facendo riferimento allo standard probatorio dell'al di lÓ di ogni ragionevole dubbio.

Si ritiene che l'incertezza della scienza non possa vincolare l'analisi del giudice, ma sia necessario che il giudizio controfattuale venga operato facendo riferimento ad una "elevata probabilitÓ logica" o ad un "alto grado di credibilitÓ razionale".

Tuttavia, quanto sommariamente richiamato Ŕ un metodo che dalla materia penale non Ŕ transitato in ambito civile, dove il nesso causale viene verificato sulla scorta di una "probabilitÓ relativa" (o variabile).

Si tratta del meno rigoroso criterio del "pi¨ probabile che non" che viene proposto in via maggioritaria da dottrina e giurisprudenza.

Percentualmente parlando Ŕ sufficiente che il nesso causale tra fatto ed evento possa identificarsi con un valore pari al "50% pi¨ 1" e non con quello, penalmente rilevante, superiore al 90%.

La Cassazione (tra tutte sent. 16 ottobre 2007, n. 21619) ha nettamente distinto la causalitÓ civile da quella penale sulla premessa delle differenze intercorrenti tra i due ambiti, sia dal punto di vista morfologico che da quello funzionale.

La responsabilitÓ civile pone attenzione sulla figura del danneggiato e non su quella del reo, e si caratterizza inoltre per la sua funzione risarcitoria e non preventiva/punitiva/rieducativa.
Corollario ulteriore di tale premessa Ŕ l'evidente atipicitÓ dell'illecito civile rispetto a quello penale, nonchÚ l'assunto che non sempre alla base della responsabilitÓ civile sussiste un comportamento colpevole.

ôIn questo modo, il nesso causale diviene la misura della relazione probabilistica concreta (e svincolata da ogni riferimento soggettivo) tra comportamento e fatto dannoso (quel comportamento e quel fatto dannoso) da ricostruirsi anche sulla base dello scopo della norma violata"

Appoggiandosi al filone maggioritario, negli anni la giurisprudenza ha dunque cercato di risolvere le incertezze sulla causalitÓ in ambito civilistico adottando il criterio della "ragionevole probabilitÓ", utilizzando i criteri esposti dagli artt. 40 e 41 c.p. sul rapporto di causalitÓ e sul concorso di cause, ma adattando il ragionamento alle peculiaritÓ del giudizio civile e non imponendo al giudice civile la soglia probatoria espressa nel sistema penalistico.

Anche in tempi recenti la Cassazione (sent. 22 ottobre 2013 n. 23933) ha ribadito "la diversitÓ del regime probatorio applicabile, in ragione dei differenti valori sottesi ai due processi" e l'applicazione in ambito civile della "preponderanza dell'evidenza o del pi¨ probabile che non" precisando altresý che il giudice civile potrÓ affermare l'esistenza del nesso causale tra illecito e danno "anche soltanto sulla base di una prova che lo renda probabile, a nulla rilevando che tale prova non sia idonea a garantire una assoluta certezza al di lÓ di ogni ragionevole dubbio".

Secondo gli ermellini, il criterio di probabilitÓ relativa da adottare in ambito civile "si delinea in una analisi specifica e puntuale di tutte le risultanze probatorie del singolo processo, nella loro irripetibile unicitÓ, con la conseguenza che la concorrenza di cause di diversa incidenza probabilistica deve essere attentamente valutata e valorizzata in ragione della specificitÓ del caso concreto, senza potersi fare meccanico e semplicistico ricorso alla regola del "50% plus unum".
Lucia Izzo




(09/07/2015 - Lucia Izzo)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i pi¨ celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF