Sei in: Home » Articoli

730 precompilato: niente rimborsi prima delle vacanze per chi lo presenta tramite i Caf

Per chi opta per il fai-da-te invece la scadenza rimane fissata per domani
fisco computer redditometro telematico

di Marina Crisafi – Niente rimborsi prima delle vacanze per chi ha presentato il 730 precompilato tramite Caf e professionisti abilitati. La proroga di poco più di due settimane, dal 7 al 23 luglio, concessa tramite il decreto della presidenza del consiglio dei ministri che ha avuto il via libera mercoledì scorso (qui il comunicato stampa del Mef), allunga non solo i tempi della presentazione, ma anche quelli dei rimborsi. 

Inevitabilmente, infatti, il differimento chiesto a gran voce dagli stessi Caf per andare incontro alle esigenze di contribuenti e assistenti fiscali alle prese con la rivoluzione del precompilato, comporterà anche un ritardo nell'erogazione dei rimborsi nelle buste paga e nelle pensioni per chi si è presentato in ritardo con l'appuntamento annuale della dichiarazione fiscale. Con buona pace, dunque, della possibilità di utilizzare il tradizionale “tesoretto” di luglio (consistente nelle varie detrazioni di spese mediche, interessi del mutuo, lavori edilizi, ecc.) per le ferie estive (o anche per saldare insoluti o fare qualche acquisto), visto che gli eventuali crediti vantati verranno accreditati tra agosto e settembre, quando le vacanze ormai per la maggior parte degli italiani sono concluse.

Ciò riguarda comunque circa il 20% delle dichiarazioni, perché la proroga è stata concessa solo ai Caf e ai professionisti che entro domani hanno già presentato almeno l'80% delle dichiarazioni.

Per i contribuenti che, invece, vogliono cimentarsi con la dichiarazione fai-da-te, rimane valida la scadenza di domani, tramite il sito dell'Agenzia delle Entrate. Ovviamente, però, andando incontro a tutti i pericoli connessi, che, tra bug del sistema, modifiche, dati mancanti e correzioni in corsa, espongono il contribuente ad un alto rischio di sanzioni.

 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF