Arrivano i saldi estivi! Ecco le dieci regole di Adiconsum per evitare i “bidoni”

In molte città italiane gli sconti partiranno dal 3 luglio, nel resto d'Italia da sabato
saldi id9523

di Marina Crisafi – Dopo le “solite” polemiche sui pre-saldi, consuetudine che ormai è in voga da anni e che ha spinto le stesse associazioni dei consumatori ad un appello per la liberalizzazione delle modalità di vendita, è partito il conto alla rovescia per i saldi veri e propri che nella maggior parte delle città italiane prenderanno il via il prossimo 4 luglio, anche se in molti centri cominceranno già da venerdì.

Ecco allora, l'utile e consueto decalogo predisposto da Adiconsum per evitare di prendere i c.d. “bidoni” ed effettuare i propri acquisti in tranquillità e a prezzi scontati:

 

1.  Attenti al cartellino! La merce in saldo deve sempre riportare infatti il prezzo d'origine non scontato, la percentuale di sconto che è stata applicata e il prezzo finale. Meglio, dunque, farsi un giro prima dell'inizio dei saldi per essere sicuri che i prezzi non siano stati maggiorati (ci sono ancora un paio di giorni di tempo!);

2.  Diffidate degli sconti esagerati (superiori al 50%) soprattutto durante i primi giorni, poichè in genere nascondono qualche “magagna” (come, ad es., merce non nuova). Meglio rivolgersi a negozi già conosciuti per acquistare prodotti in saldo;

3.  Prestate attenzione se in negozio vi è merce venduta a prezzo pieno insieme a quella in sconto (non si fa!);

4.  Confrontate i prezzi con quelli di altri negozi (annotando ad esempio il prezzo di un capo al quale si è interessati, evitando così di acquistarlo ad una cifra più elevata);

5.  Verificate sempre che il prodotto esposto in vetrina sia identico a quello che viene poi esibito all'interno del negozio;

6.  Pagate con bancomat o carta di credito in tranquillità. I negozianti infatti che normalmente accettano tali modalità di pagamento (cioè la quasi totalità) sono tenuti a farlo anche nel periodo dei saldi;

7.  Diffidate dei negozi che vendono capi di abbigliamento che non possono essere provati, ma solo guardati. Anche se è una facoltà del negoziante (consentire o meno di far indossare un abito a chi è interessato al suo acquisto), meglio essere sicuri di ciò che si compra;

8.  Fate regali con attenzione, perché il cambio è consentito solo ed esclusivamente per la merce difettosa (la quale può essere peraltro restituita al negoziante entro 2 mesi dalla scoperta del difetto) e non perché avete cambiato idea su modello o colore;

9.  Conservate sempre lo scontrino per l'eventuale cambio della merce difettosa, perché dovrete sempre esibirlo per avere diritto alla riparazione o alla sostituzione del bene acquistato;

10.             Infine, laddove il negoziante si rifiuti di effettuare il cambio di un articolo difettoso o di restituire l'importo speso, rivolgetevi alla polizia municipale, alle sedi territoriali delle associazioni dei consumatori (anche sul gruppo Facebook “SOS SALDI”), perché la tutela dettata dalla legge per il consumatore è sempre valida e non prevede “sconti”.  

 

Qui il calendario con le date di inizio e di fine saldi in tutta Italia


 

(01/07/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF