Sei in: Home » Articoli

Buoni pasto elettronici: da oggi 1° luglio aumento a 7 euro

L'aumento genera anche agevolazioni fiscali. Ma non è ammesso il cumulo e i buoni non sono utilizzabili nelle giornate non lavorative
Carta di pagamento
Eccoci giunti al primo luglio. Una data che coincide con l'aumento del valore esentasse dei buoni pasto, che passa da EUR 5,29 a EUR 7, così come disposto dalla legge di stabilità 2015.
Si tratta della prima modifica dal 1998.

Mentre il buono cartaceo mantiene lo stesso valore, l'aumento riguarda esclusivamente il buono pasto elettronico.

Tale aumento genera un'agevolazione sia del regime fiscale, sia degli oneri previdenziali, in quanto il valore dei buoni pasto non contribuisce a determinare il reddito da lavoro dipendente ai fini contributivi.

Tuttavia, con la disposizione da oggi in vigore, i buoni pasto non possono essere più cumulati tra di loro e i 7 euro andranno necessariamente spesi nell'arco delle ventiquattro ore della giornata lavorativa. 

Essi non sono utilizzabili nelle giornate non lavorative e l'esenzione fiscale e contributiva non si ha nei giorni di assenza per ferie o malattia, se è presente una mensa aziendale o se sono stipulate convenzioni con esercizi di ristoro.

Ed è proprio il sistema elettronico a permettere la concreta tracciabilità dell'impiego.
Il buono, infine, è spendibile solo in Italia e solo per beni alimentari.

In sostanza, la nuova disposizione, dotata di grandissima portata innovativa, da un lato risponde all'esigenza dei lavoratori di soddisfare in maniera più adeguata le proprie esigenze alimentari e, dall'altro, garantisce la reale funzione di servizio sostitutivo di mensa aziendale dello strumento, evitandone un utilizzo distorto.

Infine, non irrilevante è l'obiettivo di semplificare gli adempimenti burocratici e di fatturazione, potenziando il mercato digitalizzato.
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF