Sei in: Home » Articoli

Padre tenuto fuori dalla vita della figlia? Nessun reato per la madre

Non integra il reato di sottrazione di minore la condotta del genitore che non coinvolge l'altro nelle scelte riguardanti il figlio
Madre e figlia sedute sulla spiaggia

di Marina Crisafi – Non può inquadrarsi nel reato di sottrazione di minore la condotta del genitore che non coinvolge l'altro nelle scelte relative alla vita del figlio. Lo ha stabilito la Cassazione, con sentenza n. 25257 pubblicata ieri (qui sotto allegata), assolvendo una madre dalla condanna per il reato ex art. 574 c.p. perché il fatto non sussiste.

Oltre a tale contestazione, alla donna erano state mosse diverse accuse per la mancata esecuzione dolosa di provvedimenti del giudice, tutte cadute per mancanza di querela o perché il fatto non sussiste. Restavano in piedi soltanto i reati di cui all'art. 388, comma 2 e 574 c.p., legati dal vincolo della continuazione.

Per il primo, la condotta ascritta all'imputata, relativa al mancato ripristino del collocamento della bimba presso il padre che era stato colpito da ictus, veniva giudicata dalla stessa corte territoriale, irrilevante sul piano penale, in quanto compiuta nell'interesse prevalente della minore (tanto che in seguito la bambina viene affidata prevalentemente alla madre).

Quanto al secondo reato, la responsabilità dell'imputata veniva invocata non già per aver ritenuto la figlia contro la volontà dell'altro genitore in violazione del pertinente provvedimento giudiziale, bensì per aver tenuto lo stesso all'oscuro dei fatti che riguardavano la vita della minore.

Non venivano prese in considerazione le doglianze della donna che asseriva che la mancanza iniziale degli incontri tra la bimba e il padre (avvenuti in un tempo differito e con interruzioni) non erano addebitabili ad un suo comportamento ma unicamente al ritardo dei servizi sociali.

Decisivo appare sulla questione l'intervento della Cassazione, secondo la quale, dall'analisi della vicenda, non solo si è in presenza di una non consentita immutatio facti, ma sia preclusa la stessa configurabilità delle condotte tipiche della fattispecie incriminatrice di cui all'art. 574 c.p.

“Tenere il padre all'oscuro della vita della figlia e non coinvolgerlo nelle scelte a questa relative - ha affermato infatti la S.C. - risulta irrimediabilmente esorbitante rispetto a quella fattispecie”, tenuto conto che le pronunce di assoluzione e improcedibilità per i reati di cui all'art. 388 c.p. non sono state impugnate e sono diventate definitive.

Per cui, in conclusione: annullata senza rinvio la sentenza relativamente all'imputazione di cui all'art. 574 c.p. perché il fatto non sussiste e parola ad altro giudice soltanto per la rideterminazione della pena in relazione alla parte residua del reato ex art. 388, comma 2, c.p. 

Scarica la sentenza n. 25257/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF