Sei in: Home » Articoli

Pec: quasi 6 milioni di indirizzi tra professionisti e imprese

Secondo i dati del Mise ammontano a 1.185.000 gli indirizzi di posta elettronica certificata dei professionisti e a oltre 4 milioni e mezzo quelli delle imprese
posta risposta email

di Marina Crisafi - Continua a crescere il ricorso alle pec, come testimonia il numero degli indirizzi registrati che superano i 4 milioni e mezzo per le imprese e sfiorano quota 1 milione e duecentomila per i professionisti.

Per questi ultimi, gli indirizzi di posta elettronica certificata sono relativi a quasi 1.700 ordini e collegi professionali, la cui copertura risulta superiore al 90%.

A comunicare questi dati è il Ministero per lo Sviluppo Economico che in questi giorni ha reso noti gli aggiornamenti dell'Ini-Pec (l'Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata), nato per semplificare e agevolare le comunicazioni tra cittadini, professionisti, imprese e istituzioni.

Istituito presso il Mise (e attivo dal giugno 2013), l'Ini-Pec, infatti, mette a disposizione sull'apposito portale, l'elenco digitale di tutti gli indirizzi di posta elettronica certificata registrati a livello nazionale.

Una sorta di “censimento” online costantemente monitorato ed aggiornato con il fine di diventare uno strumento utile nella pratica quotidiana per conoscere in tempo reale gli indirizzi pec di professionisti, imprese e istituzioni e poter interagire con maggiore celerità ed efficienza.

 

(16/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF