Sei in: Home » Articoli

Le differenze tra due misurazioni non mettono in dubbio la regolarità del rilievo con l'etilometro

Chiarimenti della Corte di Cassazione. Sentenza n. 24831/2015 della quarta Sezione Penale
auto blu strada rc autovelox
Lucia Izzo - Automobilista condannato a sei mesi d'arresto e a seimila euro di ammenda dopo aver provocato un grave incidente ed essere risultato positivo al test dell'etilometro effettuato alle forze dell'ordine.

Alla condanna emessa sia in primo che in secondo grado si è aggiunta anche la sospensione della patente di guida per un anno e la confisca dell'autovettura di proprietà.

Le dure sanzioni sono evidentemente giustificate dal palese stato di ebbrezza alcolica manifestato dall'uomo, certificato dalla registrazione dell'etilometro di un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, nonché dall'aggravante dell'incidente stradale provocato in ora notturna.

Il legale rappresentante dell'imputato ha, tuttavia, evidenziato un particolare a suo giudizio essenziale di cui i giudici di merito avrebbero trascurato la rilevanza: tra la prima e la seconda misurazione effettuate con etilometro, rileva uno scarto pari a 70 centigrammi per litro che, secondo il legale, farebbe dubitare dell'attendibilità del risultato dei controlli effettuati sull'automobilista.

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24831/2015, ha considerato l'obiezione infondata nel caso di specie, poiché la sua teorica configurabilità è smentita dall'assenza in concreto di prove circa il presunto malfunzionamento dell'etilometro, come da ricostruzione avanzata in Appello.
Per i giudici il semplice dato numerico sarebbe insufficiente a provare il malfunzionamento dell'apparecchio e sarebbe decisiva la contestazione che «quella differenza è del tutto compatibile con il processo di metabolizzazione dell'etanolo, in atto nell'organismo in quel contesto temporale», senza neppure trascurare alcune circostanze di palese evidenza registrate dalle forze dell'ordine, come il tono di voce alterato e l'alito vinoso dell'automobilista.

Per la Cassazione quindi sussiste una «differenza, tra prima e seconda misurazione, pari a ben 70 centigrammi per litro: nonostante ciò, non è in discussione il funzionamento dell'etilometro.»
La condanna per l'automobilista alla guida in stato di ebbrezza è dunque definitiva.
Lucia Izzo
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/06/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF