Fisco: quasi la metà degli italiani è senza reddito e 10 milioni pagano solo 55 euro l'anno

Solo il 4% dichiara redditi sopra i 55mila euro pagando per 1/3 di tutta la popolazione
Scritta TAX in una illustrazione

di Marina Crisafi - Quasi la metà degli italiani è senza reddito e dei 31 milioni di contribuenti “effettivi” del Paese (quelli che pagano cioè almeno 1 euro di tasse al fisco) su quasi 61 milioni di abitanti un terzo dichiara redditi fino a 7500 euro annui, pagando così al fisco soltanto 55 euro l'anno di Irpef.

È l'impietosa fotografia che emerge dalle dichiarazioni Irpef 2013, pubblicata oggi dal Comitato Tecnico Scientifico di Itinerari Previdenziali sul Corriere della Sera, e che mostra le “due facce” del Bel Paese. 

Da una parte, secondo l'analisi vi sarebbero circa 20 milioni di contribuenti (ossia il 46,56% del totale degli italiani) che dichiarano da zero a 15mila euro di redditi (sopravvivendo così con un reddito medio mensile sotto i 600 euro), mentre ammonterebbero a quasi 800mila gli italiani che dichiarano redditi nulli o addirittura negativi e a oltre 10 milioni coloro che dichiarano guadagni fino a 7.500 euro, andando a pagare così soltanto 55 euro di Irpef all'anno.

Per costoro, i servizi necessari (salute, scuola, ecc.) ammontano a 27 miliardi, i cui costi gravano sulla parte della popolazione che “paga”.

Dall'altra parte della medaglia, infatti, vi sarebbero 1,64 milioni di contribuenti (ossia il 4% circa del totale) che dichiarano un reddito superiore ai 55mila euro pagando così da soli il 32,6% di tutto l'Irpef.

Più in alto, con redditi tra i 100mila e i 200mila euro ci starebbe solo lo 0,83% dei contribuenti (339mila persone in valore assoluto) mentre con redditi superiori ai 200mila euro (parliamo sempre di cifre lorde) solo 106mila italiani.

A questo punto, la domanda nasce spontanea: è un'Italia di poveri o un'Italia di evasori? Delle due l'una. E basterebbe poco per scoprirlo, come suggeriscono gli stessi autori dell'analisi, Alberto Brambilla e Paolo Novati del comitato tecnico-scientifico di Itinerari previdenziali, lasciando giudicare ai lettori se il quadro descritto può corrispondere “al Paese che ha il record di case in proprietà, telefonini, auto e altro pro capite e una ricchezza pro capite stimata dalla Bundesbank doppia rispetto a quella dei tedeschi”, o se forse sarebbe necessario che Agenzia delle Entrate e Inps “che pure dispongono di tutte le informazioni e codici fiscali, procedano alla convocazione dei soggetti che dichiarano poco o nulla da molti anni per domandare come fanno a vivere”.

Può darsi, concludono, data la crisi imperante, che in molti casi verrebbe confermata una effettiva povertà, “ma forse si scoprirebbero anche molti lavoratori irregolari. E in qualche caso associati alla criminalità organizzata”. 

(13/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF