Sei in: Home » Articoli

Il diritto al trasferimento dello studente in Medicina da un'universitÓ straniera ad un'universitÓ italiana

Nota di commento alla sentenza del Consiglio di Stato n. 2228 del 04 maggio 2015. In allegato il testo
studente
Avv. Francesco Pandolfi

STUDENTI IN MEDICINA E CHIRURGIA E TEST DI INGRESSO:
IL PRINCIPIO DI DIRITTO AFFERMATO DALL'ADUNANZA PLENARIA DEL CONSIGLIO DI STATO

E' molto importante fissare bene la data del 28 gennaio 2015, essendo questo il discrimine temporale tra il precedente orientamento dei Giudici in materia di trasferimento dello studente da un'universitÓ ad un'altra, con l'attuale e pi¨ favorevole orientamento scaturito dalla sentenza del C.d.S. n. 1 del 28.01.2015 (Adunanza Plenaria).

PRIMA DEL 28.01.2015:
il trasferimento al terzo anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia (da un corso di laurea in Medicina e Chirurgia presso un'UniversitÓ all'interno del sistema comunitario di universitÓ) era subordinato al superamento della prova concorsuale nazionale prevista per l'accesso allo specifico corso di laurea.

DOPO IL 28.01.2015:
L'obbligo del test di ingresso non Ŕ un valido parametro di riferimento e, pertanto, merita accoglimento l'eventuale richiesta di uno studente che, iscritto in corso di laurea dell'area medico-chirurgica presso universitÓ straniere, voglia trasferirsi, previo riconoscimento della carriera ed iscrizione ad anni di corso successivi al primo, presso universitÓ italiane.
L'unica valutazione doverosa che rimane in piedi Ŕ la valutazione del periodo di formazione svolto all'estero, con il rispetto del numero di posti disponibili per trasferimento.

Nel caso esaminato dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 2228 del 04.05.2015, si confuta l'assunto del Giudici di prime cure che respingevano il ricorso sulla base della giurisprudenza all'epoca prevalente (tra varie, Cons. Stato, VI, 24 maggio 2013, n.2866), la quale riteneva necessario il superamento della procedura selettiva nazionale anche successivamente al primo anno di ammissione.

COSA FARE IN CASI ANALOGHI

Nel caso in cui l'istituzione universitaria neghi il trasferimento sulla base dei vecchi presupposti selettivi, procedere con ricorso al fine di far valere il proprio diritto, tra l'altro ormai definitivamente consacrato dal Consiglio di Stato con la citata decisione "spartiacque".

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com
blog www.pandolfistudiolegale.it
Consiglio di Stato testo sentenza n. 2228 del 04 maggio 2015
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed Ŕ autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/06/2015 - Avv. Francesco Pandolfi)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'Ŕ dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietÓ
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione Ŕ abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio Ŕ stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF