Cedolare secca 2015: versamento della prima rata entro il 16 giugno.

Come si calcola e chi è esonerato dall'acconto
Facciata di un palazzo vista dal vasso
Giovanna Molteni 
Martedì 16 giugno 2015 è l'ultimo giorno utile non solo per il pagamento dell'Imu e della Tasi ma anche per pagare la cedolare secca. A quest'ultimo adempimento fiscale sono chiamati i proprietari di immobili concessi in locazione ad uso abitativo. La cedolare secca è l'imposta sostitutiva e opzionale sui redditi da locazione abitativa che esenta dal pagamento dell'Irpef e delle imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione.

La misura dell'acconto

Per i contratti a canone libero l'aliquota è pari al 21%, mentre nei comuni ad alta tensione abitativa e in quelli che hanno dichiarato lo stato di emergenza l'aliquota sugli affitti a canone concordato è pari al 10% nel quadriennio 2014-2017.
L'acconto è pari al 95% dell'imposta dovuta per l'anno precedente.
Se la somma dovuta è superiore a 257,52 euro sono previste due rate: la prima rata si paga entro il 16 giugno ed è pari al 40% dell'acconto (si deve perciò calcolare il 40% del 95% dell'importo totale), mentre la seconda deve essere versata entro il 30 novembre a copertura del restante 60%. Se, invece, il totale dovuto è inferiore a 257,52 euro sarà effettuato un solo versamento entro il 30 novembre.
Il saldo si paga entro il 16 giugno dell'anno successivo a quello cui si riferisce o entro il 16 luglio con una maggiorazione dello 0,40%.

Casi di esonero e modalità di pagamento

L'acconto non è dovuto nel primo anno di esercizio dell'opzione per la cedolare secca ovvero se la cedolare per l'anno precedente non supera i 51,65 euro.
La cedolare secca viene pagata utilizzando il modello F24 ed indicando il codice tributo 1840 per l'acconto prima rata, 1841 per la seconda rata o in caso di pagamento in unica soluzione e 1842 per il saldo.
(09/06/2015 - Giovanna Molteni)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF