Diritto del lavoro

Studi professionali: 85 euro di aumenti e spazio al telelavoro. Ecco cosa prevede il nuovo contratto collettivo

Diverse le novità del rinnovo del Ccnl studi professionali: dagli aumenti nel triennio alle agevolazioni per le assunzioni, al telelavoro
lavoro ufficio licenziamento

di Marina Crisafi - Aumenti di 85 euro in tre anni, estensione del welfare, agevolazioni per le assunzioni di giovani e over 50 e più spazio al telelavoro. Questi i contenuti principali del nuovo contratto collettivo degli studi professionali, siglato nei giorni scorsi all'unanimità da Confprofessioni (che raggruppa 19 associazioni di categoria) e dalle sigle sindacali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs.

Il Ccnl che resterà in vigore fino al 31 marzo 2018 riguarda circa 1 milione e mezzo di lavoratori, tra dipendenti e collaboratori, degli studi di avvocati, notai, medici, dentisti, ma anche ingegneri, architetti, commercialisti e consulenti del lavoro.

Quanto alle novità, spiccano l'aumento salariale previsto per il prossimo triennio pari ad 85 euro a regime per il terzo livello (e conseguente parametrazione per gli altri) e l'estensione del welfare ai professionisti e collaboratori degli studi, con l'affido della gestione delle prestazioni a Confprofessioni.

Sul fronte dipendenti, diverse le agevolazioni per le nuove assunzioni, soprattutto per i contratti di “reimpiego” degli over 50 e dei disoccupati di lunga durata, mentre dal lato formativo vengono semplificati gli obblighi per apprendistato e praticantato e previste politiche attive per migliorare il livello professionale dei dipendenti e dei servizi offerti.

Definite dal nuovo Ccnl le modifiche alla classificazione dei profili del personale e novità anche in materia di telelavoro che viene ampliato al fine di conciliare meglio i tempi di vita e professionali, con la possibilità di instaurare rapporti ex novo o modificare quelli già esistenti, concordando fasce orarie con il datore di lavoro e riconoscendo a tale tipologia pari opportunità rispetto sia alla retribuzione che alla formazione e alle progressioni di carriera. 

(03/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF