Italia maglia nera per l'occupazione giovanile. Peggio solo la Grecia

Secondo l'ultimo rapporto Ocse, l'occupazione giovanile in Italia è scesa del 12% in 6 anni. Boom di “neet”, i giovani cioè che non vanno a scuola e non lavorano
bulli

di Marina Crisafi – A dispetto di speranze di crescita ed effetto “Jobs Act”, l'Italia si colloca penultima nella classifica europea sulla disoccupazione giovanile. Secondo l'ultimo rapporto dell'Ocse, “Giovani e occupazione”, in 6 anni, dal 2007 al 2013, la percentuale di occupati sarebbe crollata del 12% (dal 64,33% del 2007 al 52,79% del 2013) collocandoci al penultimo posto nella fascia dei più giovani e al quartultimo in quella dai 30 ai 54 anni (scesa del 4% dal 2007 al 2013). Peggio di noi c'è solo la Grecia (con 48,49%).

Ma ciò che è preoccupante, secondo quanto emerge dal rapporto, è il vero e proprio boom di “neet”, dei ragazzi cioè che non sono iscritti a scuola né hanno un'occupazione, che si attesta a più del 26% degli under 30, dato maggiore di tutta la media Ocse (dove in totale si segnala comunque una crescita pari a 39 milioni), tranne che per Turchia, Spagna e Grecia. Problema, quello dei neet, peraltro peggiorato dall'inizio della crisi, considerato che nel 2008, stando allo studio, il dato si attestava su circa il 19% (quasi 7 punti percentuali in meno).  

E non solo. Anche i giovani che lavorano nel Bel Paese sono “segnati” da una mancata corrispondenza tra l'occupazione svolta e le competenze acquisite. Stando a quanto emerge dal rapporto, infatti, il 31,56% dei ragazzi italiani ha un'occupazione di “routine” con mansioni che non richiedono l'utilizzo di competenze specifiche e più del 15% svolge un lavoro che non comporta alcun apprendimento. Il dato non migliora sotto il profilo “tecnologico”, visto che il 54% dei giovani tra i 16 e i 29 anni non ha esperienza sull'utilizzo del computer sul posto di lavoro e il 3% non lo utilizza affatto.

Quanto alle competenze infine, maglia nera per i giovani italiani anche in ambito “culturale”. Per il rapporto Ocse, l'Italia è il Paese con la percentuale più alta di giovani tra i 16 e i 29 anni e di adulti tra i 30 e i 54 anni che hanno scarse competenze in matematica (rispettivamente, 29,76% e 25,91%) e di lettura (19,7% e 26,36%).

Una situazione globale allarmante che spinge l'Ocse ad affermare come in Italia il problema della disoccupazione giovanile sia “specifico”, andando oltre cioè a quello generale che caratterizza l'andamento degli altri Paesi e, dunque, del fattore crisi, e dipendendo invece da “condizioni sfavorevoli e debolezze nel mercato del lavoro, e nelle istituzione sociali ed educative”.

 

(28/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF