Sei in: Home » Articoli

Note caratteristiche: limiti alla valutazione negativa da parte del datore di lavoro

Illegittimità di una scheda di valutazione discriminatoria nei confronti di una lavoratrice donna in una sentenza del Tribunale di Bari
giudice sentenza martello
Avv. Laura Lieggi -  legale@studioavvocatolieggi.com

"Le valutazioni concernenti le 'note di qualifica' con le quali il datore di lavoro esprime un giudizio sintetico sul rendimento e le capacità professionali del lavoratore - che assumono fra l'altro, rilievo in quanto in rapporto di strumentalità con atti di gestione del rapporto di lavoro, quali le promozioni, non sono insindacabili, restando il datore di lavoro soggetto ai limiti posti da eventuali criteri obiettivi previsti e, soprattutto, agli obblighi di correttezza e buona fede: con l'obbligo di motivare adeguatamente le note suddette al fine di consentire al giudice il sindacato in ordine all'eventuale sussistenza di intenti discriminatori o di ritorsione ovvero motivi illeciti o irragionevoli, quali quelli non inerenti al dipendente nella sua specifica qualità di lavoratore". 

Partendo da questo presupposto il Giudice del Lavoro (Trib. Bari sentenza n. 515/2015) ha affrontato il caso di una dipendente della Polizia Municipale, che era stata valutata negativamente in conseguenza di una assenza per gravidanza. 

Ritenendo che "in assenza di ulteriori particolari motivi di demerito della ricorrente, correlabili ad eventuali inadempienze della stessa, non può che dichiararsi l'illegittimità della scheda di valutazione impugnata, in quanto fortemente discriminatoria nei confronti della lavoratrice donna (nella parte in cui attribuisce valenza pregiudizievole alla ricorrente il legittimo godimento di un periodo di assenza dovuto a gravidanza) e manifestamente illogica (con riferimento alla riconducibilità alla nota di demerito al mero dato quantitativo dell'estensione del periodo lavorativo prestato dalla dipendente nell'anno de quo)".

In definitiva, in tema di note di qualifica dei dipendenti, il datore di lavoro è soggetto ai limiti posti da eventuali criteri obiettivi previsti dal contratto collettivo e dagli obblighi di correttezza e buona fede.
 
Avv. Laura Lieggi - Via G. La Pira 3, 70126 - Bari
0805584348 - 3206117715
legale@studioavvocatolieggi.com
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/05/2015 - A.V.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF