Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: non serve la maggioranza qualificata per autorizzare il condomino a mantenere un climatizzatore sul muro comune

Va consentito un uso più intenso del bene comune da parte del singolo specie se ingombro è minimo e non lede il decoro architettonico
locazioni condominio locazione appartamento
Ancora una pronuncia della Corte di Cassazione in materia di parti comuni.

Questa volta la Corte ha chiarito che non serve una maggioranza qualificata per autorizzare il condomino a mantenere un climatizzatore sul muro comune dell'edificio.

Secondo la Cassazione (ordinanza n. 8857 del 4 maggio 2015) deve ritenersi consentito un uso più intenso del bene comune da parte del singolo condomino specialmente in un caso come quello preso in esame dove l'ingombro è il minimo e non lede il decoro architettonico del fabbricato essendo stato collocato in una zona distante rispetto all'androne del palazzo.

Del resto è noto che il singolo condomino può servirsi delle cose comuni, apportando, a proprie spese, anche le modifiche necessarie per il miglior godimento, a patto che non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri condomini lo stesso godimento (vedi la guida: Cosa sono le parti comuni del condominio)

Per quanto riguarda invece il decoro architettonico la stessa Cassazione in una precedente pronuncia aveva già precisato che I condizionatori posti all'esterno della facciata condominiale possono violare il decoro architettonico (vedi sentenza n. 20985/2014


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/05/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF