Cosa sono gli sfratti per morosità incolpevole

La morosità incolpevole è un istituto di recente creazione legislativa che ha fatto il suo ingresso nell'ordinamento giuridico per mezzo dell'art. 6 c. 5 d.l. 102/2013
giustizia martello id13657 id14228
Avv. Laura Bazzan
La morosità incolpevole è un istituto di recente creazione legislativa che ha fatto il suo ingresso nell'ordinamento giuridico per mezzo dell'art. 6 c. 5 d.l. 102/2013 recante disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonchè di cassa integrazione guadagni e di trattamenti pensionistici, che ha istituito un apposito fondo cui i Comuni ad alta tensione abitativa possono attingere per l'erogazione di contributi proprio in favore di inquilini morosi incolpevoli. 
Il successivo decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14 maggio 2014, all'art. 1, ne fornisce una definizione qualificando la morosità incolpevole quale "situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare".

Più precisamente, tale situazione è riscontrabile in caso di perdita di lavoro per licenziamento; accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell'orario di lavoro; cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale; mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici; cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente; malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell'impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali (art. 2).

L'inquilino che non sia in grado di corrispondere il canone di affitto poichè versa in una delle situazioni sopra citate, pertanto, si trova in condizione di morosità incolpevole: qualora gli sia stato notificato un atto di intimazione di sfratto per morosità con contestuale citazione per la convalida, anzichè subire lo sfratto, potrà richiedere l'intervento dello Stato (fino ad un massimo di 8.000 euro). 

In particolare, lo sfratto per morosità incolpevole o meglio, l'accesso al contributo per evitare lo sfratto, è riconosciuto, ex art. 3, ai titolari del contratto di locazione ad uso abitativo regolarmente registrato, cittadini italiani o europei o soggetti in possesso di regolare permesso di soggiorno, che risiedono in un alloggio oggetto di procedure di rilascio da almeno un anno e rispettano i parametri ISE/ISEE previsti dal decreto (ISE: 35.000 euro; ISEE: 26.000 euro). 

La sussistenza di tali requisiti viene riscontrata dai Comuni i quali, al contempo, debbono verificare che "il richiedente, ovvero un componente del nucleo familiare, non sia titolare di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare". 

La presenza nel nucleo familiare di componenti ultrasettantenni, minori, invalidi o bisognosi di assistenza costituisce criterio preferenziale per la concessione del contributo.
Avv. Laura Bazzan

Vedi anche:
(21/02/2015 - Avv. Laura Bazzan)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF