Sei in: Home » Articoli

Assicurazione cani, tutelare se stessi e i propri animali domestici

L'assicurazione per cani è l'unica soluzione per minimizzare i rischi e tutelare l'animale. Ecco una breve guida per orientarsi in materia
cane animali vivisezione
Occuparsi dei propri animali domestici è un piacere, ma anche un dovere che comporta importanti responsabilità. Tra queste stipulare un'assicurazione, specialmente per i cani, rappresenta senza dubbio una buona prevenzione per evitare spiacevoli inconvenienti non soltanto a se stessi ma anche agli altri.

L'articolo 2052 del Codice Civile indica infatti che i proprietari di qualsiasi animale domestico sono direttamente responsabili dei danni che i loro animali possono provocare a terzi, sia sotto la loro sorveglianza sia in caso di smarrimento. Se si è proprietari di un cane o di qualsiasi altro animale, si può stipulare un'assicurazione su misura che possa coprire eventuali danni. Questo tipo di assicurazione è poi divenuta obbligatoria (3 marzo del 2009) per le razze di cani considerate pericolose o che sono state denunciate per precedenti violenti e quindi inserite nella lista del Ministero della Sanità.

Va detto che spesso, purtroppo, tali avvenimenti sono causati dalla scarsa attenzione o educazione del proprietario, che determina errati comportamenti di cui ovviamente gli animali non sono e non possono essere consapevoli. Quante volte infatti nei parchi capitano episodi di cani che, non tenuti al guinzaglio o non sufficientemente sorvegliati, sorprendono altre persone, magari per la loro semplice esuberanza nel giocare o in altri casi perché spaventati? Troppo spesso la solita frase "non si preoccupi è buono" risulta l'insensato tentativo di nascondere la noncuranza dei proprietari, un ingenuo errore che troppo spesso ha finito per tramutarsi in tragedia, e chi ne ha fatto ingiustamente le spese sono gli animali e le persone.

Oltre a raccomandare dunque una maggiore attenzione e un maggior rispetto a tutti coloro che posseggono, anzi sarebbe il caso di dire, che si prendono cura di un animale e specialmente cani di grossa taglia, suggeriamo le due formule di tutela più diffuse di assicurazione, le polizze generiche per danni e le polizze specifiche per animali domestici:

1) Assicurazione cani: la polizza assicurativa generica per danni

Serve a coprire danni causati a terzi dal nostro animale, la formula non prevede purtroppo le spese sanitarie per eventuali ferite che l'animale possa subire o danni causati a cose e ad altri animali, in questi casi sarà il proprietario che dovrà risarcire i danni di tasca propria. Per una tutela maggiore che ricopra anche i nostri amici a quattro zampe si può stipulare una polizza di responsabilità civile intestata al capofamiglia, che includa oltre ai componenti della famiglia anche la tutela degli animali domestici e la copertura di danni a cose e ad altri animali.

2) Assicurazione cani: la polizza assicurativa specifica per animali domestici

Questo tipo di polizza specifica tutela sia i danni che le spese veterinarie, le cure e l'assistenza sostenute per l'animale domestico. Prima di stipulare la polizza è sempre raccomandabile prestare attenzione alle clausole e alle opzioni che prevedono i tipi di trattamenti inclusi, come ad esempio le operazioni di sterilizzazione o le cure dentali, a volte non incluse dalle compagnie. Alcune coperture integrative per gli animali con pedigree prevedono poi il rimborso per le spese di acquisto dell'animale in caso di smarrimento o furto, malattia e decesso a fronte ovviamente di consistenti maggiorazioni delle rate assicurative.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/10/2016 - Il diritto in pillole)
Le più lette:
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Il giudice può perquisire la borsa dell'avvocato
In evidenza oggi.
Due multe da 286 euro e salvi la patente
Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF